Consulenza psicologica di coppia

Dalla psicologa: uno spazio in cui incontrarsi.

A chi non è capitato di attraversare dei momenti difficili all’interno della propria relazione di coppia? I motivi possono essere molti, sia interni al rapporto, sia legati al particolare momento di vita che le persone stanno attraversando. Esiste anche una conflittualità “sana”, utile a negoziare le proprie esigenze e a confrontarsi sui propri valori.

Talvolta però le incomprensioni creano una distanza troppo dolorosa e i due partner non riescono più a gestire la relazione, intrappolata in un conflitto evidente o celato, apparentemente senza soluzione né via d’uscita. Entrambi si sentono soli, incompresi, forse troppo diversi e nel tempo possono presentarsi vissuti di rassegnazione e rinuncia, oppure al contrario di rabbia anche intensa.

Il percorso psicologico di coppia offre uno spazio protetto, in cui le reciproche aspettative e frustrazioni possono trovare un nome. Con specifiche tecniche di intervento, posso indicarvi gli strumenti più efficaci per migliorare quella comunicazione che sembra essersi interrotta, per aprire spazi condivisi di consapevolezza e per facilitare l’accesso a risorse personali e relazionali che sembravano sopite da tempo.

Un aiuto anche a distanza

In questo momento, fino a quando saranno in vigore le disposizioni per contenere la diffusione del Coronavirus (Covid-19), le consulenze psicologiche si svolgono online, tramite collegamento con Skype, Zoom o altre piattaforme.

Il mio approccio

Consulenza psicologica di coppia

Gli incontri si svolgono esclusivamente con entrambi i partner presenti, concordando frequenza e modalità nel corso della prima seduta. Oltre al colloquio verbale, utilizzo tecniche di diversi approcci per accompagnare la coppia, con la competenza maturata in molti anni di esperienza, lungo questo delicato e difficile processo.

Cosa possiamo fare

Creare uno spazio protetto per un percorso di consapevolezza e guarigione sostenuti da un aiuto qualificato.

Non è necessario essere completamente “in crisi” per scegliere di seguire un percorso psicologico insieme al proprio partner: anzi, questo può rappresentare un’occasione per conoscersi meglio, imparare ad ascoltarsi di più, a comunicare con modalità che creano apertura e vicinanza, invece di allontanare. Si trasforma in una sana scelta di “prevenzione” per creare modelli comunicativi positivi, che durano nel tempo.

Un percorso psicologico può aiutare quando:

  • la comunicazione tra di voi è diventata difficile o quasi impossibile;
  • le continue incomprensioni rendono complicato vivere insieme e prendere decisioni comuni;
  • uno dei due ha paura di perdere l’altra persona (oppure entrambi temete questa eventualità);
  • percepite una costante difficoltà nel confronto, bloccato da pregiudizi, paure e fraintendimenti;
  • avete sperimentato difficoltà nella sfera dell’intimità.

Altre informazioni:

Aderisco ad alcune Convenzioni e Protocolli di Intesa stipulate dal Consiglio Nazionale Ordine Psicologi che prevedono condizioni agevolate per alcune categorie. Alla pagina personale dell’Ordine trovate queste informazioni.

Le prestazioni rese da uno psicologo iscritto regolarmente all’Albo danno diritto alla detrazione fiscale del 19% (anche in assenza di prescrizione medica) ed è utile saperlo fin da subito.

Iniziare un percorso psicologico

Quando andare dalla psicologa? Perché iniziare un percorso di terapia? Cosa aspettarsi dal primo incontro? Rispondo alle domande che possono aiutarvi a fare il primo passo.

So che il primo passo è difficile, io ci sono.

Potete mettervi in contatto per un primo appuntamento di conoscenza, valuteremo insieme i passi successivi: